Indietro

Spartaco Belleri 1920 - 1945 Aggiornare

Nato 25.2.1920 in Sarezzo
Morto 15.3.1945 in Mauthausen

Biografia

Di anni 25. Nato il 25 febbraio 1920 a Sarezzo (BS) ed ivi residente, in frazione Ponte di Zanano, con la moglie e il figlio. Di professione impiegato, svolge anche il lavoro di agricoltore. Arruolato nel corpo degli alpini, dopo l’armistizio si collega con le formazioni partigiane della Val Trompia, a cui fornisce materiale bellico e provviste. Nei mesi successivi prende parte a numerose azioni e incursioni, come quella allo stabilimento di armi della Beretta di Gardone Val Trompia, nella notte tra il 6 e il 7 ottobre. Il 7 novembre alcuni elementi della G.N.R. (Guardia nazionale repubblicana) irrompono nella sua abitazione e lo arrestano. Rinchiuso nelle carceri di Brescia a disposizione delle SS germaniche, il 14 novembre Belleri viene deportato nel campo di concentramento di Bolzano. Esattamente un mese dopo, il 14 dicembre, è trasferito al lager di Mauthausen, dove si spegne il 15 marzo 1945.

Lettera di Spartaco Belleri alla Moglie e ai genitori da Lager di Bolzano:

“Questa mia ti giungerà improv=

visa, ad ogni modo, cara Iolanda, abbi sempre 

coraggio, verranno anche per noi i giorni felici. 

Iolanda, bacia per me tutte le sere e le mattine il 

mio piccolo e caro Adalberto e digli che il suo papà 

ritornerà presto da lui per vivergli sempre assieme. 

Quanto a te, cara Iolanda, sappi solo una cosa: 

che tuo marito ti pensa continuamente e ti vuole 

tanto bene, anche se alle volte il mio burbero carat=

tere ti faceva male e ti faceva soffrire, ora perdo=

na tutto, poiché anch’io perdono a tutti; la festa pren=

di Adalberto e vai al cinema, e poi pensami di continuo. 

Ti raccomando di aiutare i genitori, poiché ora tu devi 

essere il loro sostegno, sostituire me in tante cose. 

Fammi sapere qualche cosa del paese, le mie pecore, capre, 

su alla stalla tutto va bene? Salutami tanto i tuoi ge=

nitori – Armando – Olga – Rina – Angelina. Salutami tanto 

tutte le clienti e i compaesani che chiedono notizie di me e

particolarmente – Paoli Revana – Tonelli Giovanni – Nando – Celso

Pacione – Piero – Felice – Rino Frossi e la famiglia Livella.

Baciami tanto Adalberto e tu abbi sempre forza e ricevi 

tanti saluti e baci da chi sempre ti ricorda. Tuo – Spartaco.

Se starai a lungo senza notizie non pensar male – ciao Spartaco.

Carissimi genitori,

Saluti dai Pozzi. Vi mando queste due righe per farvi sapere mie

notizie: innanzitutto sono contento sapendo il papà

a casa e spero che stia bene, e tu mamma come va? Spero bene.

Per il commercio: quando sono venuto via, c’erano da pagare

Kg 155 al Bagolina perché per il resto avevo combinato col vino.

In saletta ci sono i soldi riscossi dal vino e c’è da riscuotere 

ancora £ 2000 da Maria e circa £ 4200 dalla zia, oltre gli altri 9.500, ad ogni modo

sul registro piccolo ci sono le annotazioni; c’è da riscuotere

dal Teno circa £ 6.300 – Saluti e baci a Benvenuto e agli zii.

Tanti saluti e baci da Vs. figlio Spartaco. Saluti a Beato Amilcare.”

Igor Pizzirusso

INMSLI – Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia, Milano

 

File

Inviare informazioni sulla persona …

Aggiungere altre informazioni sulla persona …